Numero 1 Vivere Sostenibile Liguria Ponente, Senza categoria

Il cambiamento, una scelta necessaria

Front page
Clicca sulla copertina per sfogliare questo numero di Vivere Sostenibile Liguria Ponente

 

Mai come in questo periodo, nelle menti di noi comuni mortali, si aggira con crescente frequenza, come uno spettro o una speranza, una parola che, comunque la si guardi, non lascia tranquilli. Questa parola, che arriva a turbare stabilità e abitudini, che scuote le certezze e genera inquietudine o aspettative, è anche una parola che ci fa uscire dalla consueta routine, che ci apre nuovi orizzonti, che stimola la creatività, che crea nuove opportunità. Questa parola è “cambiamento”.

Se il cambiamento viene a mancare, il corpo e la mente non crescono, non si evolvono; senza di esso saremmo rimasti bambini o adolescenti oppure ci troveremmo ancora in situazioni difficili o infelici dalle quali, invece, siamo riusciti a riemergere. Di più: se non seguissimo questa maturazione non si avvierebbe solo un periodo di stasi ma una vera involuzione.
Troppo spesso, però, si confonde il cambiamento con una rincorsa affannosa a tutto quanto viene bollato con il termine generico di “progresso” ma che spesso, come capita sempre più di vedere ad esempio in agricoltura, non è un progredire verso il meglio ma verso le situazioni di comodo, senza curarsi del fatto che tante soluzioni a buon mercato portano poi a pagare conti assai salati.
Sovente queste “mutazioni” hanno fatto rigettare quanto poteva essere più faticoso ma anche più rispondente ai percorsi naturali, nella vita, nell’alimentazione, nella cura del corpo, della mente e dello spirito. Si è cercato il tutto e subito, dimenticando la pazienza del contadino, i cicli delle stagioni, i percorsi dello spirito, dimenticando cioè l’aspetto essenziale del cambiamento: i suoi tempi, la fatica, il rispetto della natura, sia essa umana o circostante.
Spesso si pensa al recupero delle tradizioni e della sostenibilità umana ed ambientale come a un ritorno al passato, all’incapacità di “stare al passo con i tempi”. In realtà, il cambiamento comporta anche il recupero di quanto il passato ci può trasmettere di positivo, aggiungendo ciò che di meglio siamo riusciti ad ottenere in secoli di crescita umana. Non buttare via il passato, non rinnegare quanto di positivo c’è stato nella crescita.
È un cambiamento globale, quello che si prospetta e che questo periodico trimestrale vuole provare a seguire e raccontare, ma quella da condurre è principalmente una sfida personale. Non esiste cambiamento nel proprio mondo se la persona non cambia e, parimenti, se la persona cambia, tutto il mondo cambia con lei. Se si vuole operare nel mondo, occorre iniziare dal proprio ambito: è il più vicino, anche se spesso non il più semplice. Giova però ricordare due frasi note di Lao Tse: “Anche un viaggio di mille miglia inizia con un passo” e “Quello che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo lo chiama farfalla”.
Per cambiare occorre però il coraggio di uscire dalla propria “zona di comodo” e di rischiare. Occorre vincere la paura, avvicinarsi al precipizio della propria vita, spiegare le ali, fare un passo avanti e iniziare a volare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...