Agricoltura, Benessere corpo mente, Cronaca, Essere Vegani, Eventi, Eventi sostenibili, Lavoro e Sostenibilità, Le Terre di Confine, SosteniAMOci, Trekking, Trimestrale Vivere Sostenibile Liguria Ponente, Vita Sociale

È ancora possibile comunicare

“Individualismo, egocentrismo, ignoranza della materia e presunzione. Un cocktail esplosivo che, in effetti, sta deflagrando in tutta la vita sociale, in questi tempi in cui il dialogo ha lasciato posto al monologo e le
idee proprie, per quanto non suffragate da prove o da ragionamenti oggettivi, sono diventate spesso verbo inconfutabile…”

Continua a leggere l’editoriale dell’ultimo numero di Vivere Sostenibile Liguria Ponente >

Clicca sull’immagine per sfogliare il numero di Settembre 2018
Annunci
Agricoltura, Benessere corpo mente, Essere Vegani, Eventi, Eventi sostenibili, Trimestrale Vivere Sostenibile Liguria Ponente, Vita Sociale

Si può vivere di Eccellenze

 

Clicca sull’immagine per sfogliare il numero di Giugno 2018

 

Crisi dei mercati, basso profilo, concorrenza sui prezzi, globalizzazione della produzione, massificazione di articoli e proposte di bassa qualità sugli scaffali dei supermercati, nell’offerta culturale e turistica, nell’istruzione, tagli alla spesa pubblica, alle fasce deboli, allo studio, all’arte.

L’elenco potrebbe continuare per tutta la durata dell’articolo. Sono tantissime le condizioni avverse che stanno abbassando la fiducia, la spinta vitale di chi lavora, di chi ancora si sforza di opporsi a una commercializzazione sfrenata di ogni aspetto della vita umana, a un procedimento che considera solo il valore monetario e finanziario e dimentica ogni altra componente, soprattutto quelle che servono a dare il vero valore di un prodotto, di un’idea, di un’azione; aspetti che non si possono misurare con il corrispondente

prezzo monetario, scelto universalmente come unità di misura esclusiva per tutto ciò che si fa o si è.

C’è, e in molti provano da tempo a metterlo in pratica, un altro modo di valutare, apprezzare e dare merito all’attività produttiva, sociale, culturale, turistica di un territorio.

C’è e si chiama rispetto per l’eccellenza. Quando si parla di eccellenze italiane (e anche quelle liguri, di cui ci vogliamo occupare in particolare) il pensiero va subito ai “punti forti” dell’economia: l’enogastronomia, il turismo, la produzione artigianale, ma spesso, troppo spesso, tutto si ferma alla contemplazione estatica di quanto molti siano in grado di fare. Si esalta la bellezza di alcune opere o di qualche bel paesaggio, si gusta il sapore di un prodotto genuino, si ringrazia per un servizio turistico di alta qualità, si lodano il significato e lo sforzo di chi ancora crede che la cultura e l’istruzione possano essere settori trainanti, ma poi tutto si ferma lì, alla fruizione di quanto di buono si è trovato.

Non basta più. C’è da fare un passo in più e non lo si può procrastinare. Questo scatto ulteriore è quello di promuovere, incentivare, propagandare queste eccellenze che animano e costituiscono il cuore, davvero il “punto forte” di quanto un territorio può produrre.

Prima di iniziare a lavorare su un numero di Vivere Sostenibile Liguria Ponente ci si chiede sempre quale sarà il motivo conduttore. Da sempre questa traccia, poi, emerge da sola, durante la preparazione delle pagine, e a dettarla sono sempre, in una splendida sintonia, gli articoli che riceviamo dai nostri collaboratori. Questa edizione di giugno 2018, alle soglie di un’estate su cui si stendono grigie ombre politiche e, forse, anche meteorologiche, si è così trovata ad essere indirizzata verso l’esaltazione delle eccellenze della nostra terra. È stato un coro comune, composto da voci polifoniche, tutte orientate al proprio ambito di attività, ma concordi nel sottolineare come, sotto questa coltre di condizionamenti negativi che sembrano voler e poter soffocare ogni libera iniziativa, si celi invece ancora un cuore pulsante, una spinta che non si può fermare, la voglia di riaffermare valori e lavori che la massificazione e la banalizzazione non possono cancellare.

Il fatto di rendere noto tutto ciò, a sua volta, non basta“Ormai siamo ingessati dalle normative”. È uno dei commenti più delicati, ma tremendamente espliciti, che si sono sentiti in questi giorni, dopo l’entrata in vigore delle nuove normative sulla privacy. Le leggi si applicano, ci mancherebbe altro, ma più di una volta lasciano dietro la loro applicazione e il loro rispetto una scia di amare considerazioni alle quali è doveroso dare voce.

Una legge in sé, per quanto non esattamente brillante in termini di intelligenza pratica, non potrebbe costituire un problema invalicabile per un’azienda, per quanto piccola. Si può dedicare un po’ di tempo, distogliere delle energie dall’attività lavorativa,magari sacrificare un fine settimana di riposo (e già qui ci sarebbe qualcosa da discutere) per mettersi in regola. È una cosa da fare “una tantum” e, in fin dei conti, si tratta di copiare uno dei documenti ricevuti al riguardo,personalizzarlo e spedirlo alla propria mailing list. Già qui si presuppone non solo che si abbia il tempo a disposizione (è un obbligo, bisogna trovarlo), ma anche che si sappia ben utilizzare il computer, che si sappia cosa fare…

Il guaio vero è che quella sulla privacy non è la sola legge a distogliere energie dal lavoro per dedicarle al nuovo mostro sacro dell’economia e del lavoro del terzo millennio: la burocrazia. Torna alla mente la vecchia storiella del contadino andato in città con il suo asino per fare la spesa per tutto il villaggio. Dopo aver caricato il povero animale con ogni sorta di casse e ceste piene di materiale, l’uomo si ricorda di dover comprare un paio di stringhe per il vicino. Le acquista e le carica, a loro volta, sull’asino che, sopraffatto dal peso, si schianta a terra.

Colpa delle stringhe o di tutto quanto già appeso alla soma? Questo è ciò che rischia di accadere, al di là di fardelli che, in altri casi, rischiano di far collassare tutto già solo per se stessi. Purtroppo si sta arrivando al punto in cui ogni attività, in un delirio normativo, per essere svolta richieda decine di patentini, licenze, permessi (tutti ovviamente sottoposti a controlli periodici o casuali).

Se da un lato la garanzia della correttezza formale è un elemento arricchente, dall’altro troppo spesso ci si dimentica che le leggi colpiscono anche realtà minime, come le microimprese o le imprese individuali, per le quali “distrarre le energie” dal lavoro per poterle dedicare agli adempimenti burocratici significa una sola cosa: dedicare il tempo alle carte togliendolo al lavoro. E queste carte, alla fine, sono ben più pesanti di un paio di stringhe.

ancora. I passi da compiere, in realtà, sono due e il secondo è quello della necessità di agire. L’apprezzamento, l’applauso, la pubblicità, da soli, sono solo l’inizio di un cammino diverso, in direzione ostinata e contraria, verrebbe da dire. Invece no, non sarà una direzione contraria a qualcosa, ma favorevole al bello, al buono e, lo si conceda, anche a ciò che è giusto e non solo gustoso.

E tutto questo, però, è Possibile solo “mettendo azione”.

Cronaca

Una legge contro lo spreco alimentare, una legge a favore della solidarietà

 

di Graziano Consiglieri

Mancano ancora alcuni decreti attuativi, che il Ministero della Sanità deve emettere, ma la legge contro lo spreco alimentare è già effettiva, al punto che in molte situazioni è già utilizzata. Grazie a questa legge, tutti i soggetti impegnati nella filiera alimentare potranno, in modo semplificato e spesso anche economicamente conveniente, donare le loro eccedenze a quegli enti pubblici e privati che perseguono finalità civiche e solidaristiche senza scopo di lucro.

La firmataria principale di uno dei testi che hanno poi portato alla stesura definitiva della legge n. 166 del 19 agosto 2016 è la senatrice Laura Puppato, la quale, in una serie di incontri pubblici organizzati in diverse parti d’Italia, ha presentato i dati essenziali e gli enormi vantaggi che possono derivare per tutti da una limitazione degli sprechi alimentari e da una ragionata regolamentazione del loro utilizzo.

“Innanzitutto – afferma la senatrice Puppato – questa legge rappresenta una semplificazione e regolazione di quanto alcuni stavano già facendo. Si tratta però soprattutto dell’apertura di veri e propri mondi nuovi, visto che i soggetti che possono usufruirne sono sia i produttori (siano essi a carattere industriale, artigianale o agricolo), sia i soggetti della filiera. La portata è enorme, considerato che, ad esempio, sulla terra restano oltre due milioni di tonnellate di prodotti agricoli che non verranno mai consumati. Il terzo aspetto positivo è rappresentato dal fatto che questa è anche una conseguenza diretta del manifesto ambientale siglato all’Expo di Milano da circa 150 Paesi: un protocollo sul cibo e sui temi ambientali e della sostenibilità, indispensabile nella situazione attuale”.

E proprio lo stato attuale della nutrizione nel pianeta dice che la fame nel mondo riguarda 870 milioni di persone e che, secondo i dati diffusi dall’Onu alcuni mesi fa, nei tre Paesi più colpiti, ossia Somalia, Sud Sudan e Yemen, complessivamente 20 milioni si individui sono a rischio di morte.

A ciò si aggiunga che sono circa 250 i milioni di profughi ambientali che per siccità, carestia e alluvioni potrebbero essere costretti a breve a fuggire dal Sud del mondo. Sono dati che fanno comprendere quanto sia fondamentale utilizzare risorse alimentari altrimenti sprecate.

“Un altro fine importante della legge – afferma ancora la senatrice Puppato – è rappresentato dalla sostenibilità agricola. La Terra è sfruttata ben oltre le sue capacità produttive, oltretutto con consumo di acqua, emissioni di gas e uso di pesticidi, per prodotti che poi non vengono consumati. Ciò che serve è un diverso consumo della produzione alimentare, da parte di persone che non siano consumatori, ma cittadini responsabili che vogliono essere vivi in un mondo sano”.

Nell’Unione Europea non esiste un regolamento in materia, ed è proprio l’Italia in questo caso, il Paese capofila. Alla stesura del disegno di legge hanno partecipato anche le associazioni.

“Uno dei principali fini – sostiene Laura Puppato – era anche la volontà di attivarsi senza dover escogitare qualcosa, evitando così anche conseguenze legali. Lo spreco riguarda infatti anche i medicinali; un aspetto delicato che però può permettere di utilizzare i farmaci in soprannumero e quelli prossimi alla data di scadenza. In ogni caso, è tutta la legge ad avere una serie di beneficiari, a cominciare dai “mondi” per i quali la possibilità di donare era finora esclusa. La legge prevede opportunità fiscali: essendo il dono un valore, si permetterà di scaricare la produzione donata dai registri di carico. Oltretutto, il fatto stesso di donare già di per se comporta alle aziende anche dei costi ulteriori, che saranno detraibili. Inoltre, la possibilità costituisce un risparmio economico anche per l’azienda, perché l’alternativa dello smaltimento costa e genera rifiuti, con ulteriori spese anche per la collettività. Gli stessi Comuni potranno prevedere una tassazione ridotta sui rifiuti. Crediti di imposta sono destinati al finanziamento di progetti innovativi per limitare gli sprechi – per esempio per acquistare i macchinari per la vendita di prodotti sfusi – per riutilizzare le eccedenze e promuovere la produzione di imballaggi riutilizzabili o facilmente riciclabili. Altrettanto verrà destinato alla promozione dell’utilizzo delle cosiddette “doggy bags” dei ristoranti per portarsi a casa gli avanzi”.

Al di là dell’economia, quindi, ciò che è da sottolineare è l’aspetto umanitario dell’iniziativa.

“Come tutte le leggi, anche questa è migliorabile – conclude la senatrice Puppato – ma è un passo importante per essere operativi nella solidarietà, è un segno importante nella lotta all’indifferenza in un mondo in cui, ogni anno, 29 milioni di persone muoiono di fame e 36 milioni invece per disturbi dovuti all’obesità; in cui finiscono in totale nelle discariche 1,3 miliardi di tonnellate di cibo che potrebbero nutrire quattro volte gli affamati attuali, senza contare i 520 milioni di metri cubi di acqua che vanno a loro volta sprecati. Una legislazione che, oltretutto, può finire per limitare anche i reati ambientali, i più frequenti in uso alle mafie”.

Senza categoria

Il cibo, la benzina giusta per il nostro motore

Sfoglia il numero di Giugno

di Graziano Consiglieri

 

Quando vennero introdotti i motori “verdi”, anni fa, una prima necessità imprescindibile fu quella di abbandonare la benzina “super”, per iniziare a utilizzare quella senza piombo. Allo stesso modo, nel momento in cui un essere umano vuole operare un cambiamento nella propria vita, una delle prime questioni che deve affrontare è quale “benzina”, ossia quale cibo, introdurre nel proprio corpo per avere energia.

Al di là di ogni orientamento alimentare (onnivoro, vegetariano, vegano, fruttariano, crudista…), ci sono alcuni dati comuni a tutti e che tutti dovrebbero considerare nel momento in cui si mettono a tavola e si accingono a consumare, o meglio sarebbe dire assumere, il proprio pasto, tenendo ben presente che una corretta e sana alimentazione – dando vitalità al sistema immunitario – concede maggiori possibilità di rimanere sani.

Il primo aspetto si palesa ben prima dell’imbracciare la forchetta e anche di iniziare a cucinare. Il primo passo si verifica al momento della spesa. Se non si ha la fortuna di avere un proprio orto (che comunque è quasi mai insufficiente) l’attenzione è da porre durante l’acquisto, eliminando il concetto di prezzo come unico parametro, fatto che induce solo alla mercificazione di beni e servizi, e rivalutando il concetto di valore delle cose e delle attività. Un pane che costa più della media non è caro se è fatto in un certo modo, con certe farine e una cura del prodotto, e finisce per sostituisce quello a più buon mercato perché i suoi nutrienti e i suoi contenuti vivi permettono di mangiarne la metà per essere sazi.

La scelta va orientata verso il cibo fresco, in quanto ancora “vivo” e ricco pertanto di sostanze positive. Spazio quindi, se è possibile, all’autoproduzione, all’acquisto diretto da persone di cui si conosce la tecnica agronomica naturale, a negozi di cui si conosca l’impegno in questo settore, fino alla costituzione di gruppi di acquisto, alla costituzione di reti di aziende che, aperte alle visite dei clienti, applichino tecniche eco-sostenibili, arrivando alla valorizzazione e all’incentivo della produzione locale di qualità: una scelta sostenibile nella direzione del benessere, ma anche per un rilancio effettivo nella rilocalizzazione dell’economia.

Oltre alle buone pratiche alimentari, che un buon nutrizionista può suggerire e personalizzare, e ad evitare bevande, cibi e anche contenitori che sono provati avere un effetto negativo sul nostro “motore”, un ultimo ma essenziale punto è costituito non solo dalla “benzina” ma anche dalle modalità tecniche con cui si fa “rifornimento” al nostro motore. Troppo spesso il pasto – svilito a “pit stop”, a una sosta velocissima per ingoiare energia, più adatta a un bolide di Formula 1 che a un essere umano – sta diventando una parentesi rapida tra mille impegni, pressato nei tempi del lavoro e dalle navigazioni sui social o le risposte agli sms. In queste dinamiche sono spariti i tempi in cui la famiglia, a metà e al termine della propria giornata, si ritrovava attorno alla tavola a condividere non solo il cibo ma tutto quanto si stava vivendo o si era vissuto in quella giornata. C’era, allora, e andrebbe recuperata, ora, quella consapevolezza secondo la quale, oltre ai valori nutritivi, alle calorie e alle sostanze chimiche necessarie a un organismo, il mangiare assieme dava qualcosa in più: la comunanza, l’essere vicini, l’essere una prima cellula di società alimentata non solo dallo stesso cibo e dalla stessa energia ma dalla volontà di impiegarli per qualcosa di comune a tutti.